t. 055 606364 - info@studiodentisticogiorgini.it
tasca-parodontale

Innanzitutto partiamo con il chiarire che cos’è la parodontite.

La parodontite è una malattia infiammatoria che colpisce i tessuti attorno al dente, i cosiddetti tessuti parodontali: la gengiva, l’osso, il legamento parodontale, causandone il deterioramento progressivo.

I danni causati dalla parodontite sono irreversibili, ma possono essere bloccati ed in alcuni casi particolari si può intervenire per restaurare il tessuto perso. Solitamente la parodontite è preceduta dalla infiammazione alle gengive, che quindi costituisce un segnale importante, sebbene non sia associata a nessuna perdita di tessuto e quindi completamente guaribile se trattata adeguatamente.

Possono essere colpiti dalla parodontite persone di tutte le età, a cominciare dai giovani ed è una malattia che è molto frequente negli adulti, soprattutto gli anziani. Può avere una velocità di progressione più o meno rapida e il suo progredire arriva a provocare la perdita dei denti.

Per una corretta diagnosi della malattia parodontale è necessario il sondaggio parodontale: una manovra che permette di verificare la profondità del solco gengivale e la presenza di eventuali tasche parodontali attraverso una sonda. Lo strumento, dotato di alcune tacche millimetrate, viene delicatamente interposto tra dente e gengiva e misura così la perdita dell’attacco che sostiene il dente.

In una condizione di salute, la sonda entra all’interno del solco per circa 1-3 mm, quando questo valore risulta aumentato normalmente è perché il solco si è approfondito a causa della formazione una tasca parodontale. Se l’operazione con la sonda provoca sanguinamento siamo di solito di fronte ad una infiammazione parodontale attiva. Per poter formulare una più completa diagnosi è però necessario acquisire altri dati attraverso radiografia e rilevare ulteriori parametri clinici.

La diagnosi precoce è fondamentale perché è l’unico intervento in grado di garantire una completa guarigione. Se non eseguita nei giusti tempi, l’assenza di terapia porta inevitabilmente alla distruzione delle strutture di sostegno del dente e quindi alla perdita dello stesso.

La parodontite non può in alcun caso essere curata come nei casi di altri malattie, perché essendo un processo degenerativo, può in molti casi essere arrestata ma senza che possano essere ripristinate le strutture andate perdute. Detto questo è però possibile rigenerare i tessuti riducendo le tasche parodontali ed eliminare le recessioni gengivali attraverso correzione chirurgica, riducendo l’esposizione delle radici.

Write a comment:

You must be logged in to post a comment.

2014 © Copyright - Health Center Theme by Vamtam

Per casi di emergenza        338-8578948