t. 055 606364 - info@studiodentisticogiorgini.it
estrazione-denti-del-giudizio

I denti del giudizio sono gli ultimi denti a comparire in bocca. In pratica sono dei molari che solitamente compaiono in un periodo compreso tra i 17 e i 25 anni e non a caso vengono anche chiamati “terzi molari”. Ci sono casi in cui i denti del giudizio non danno complicazioni, ma la maggior parte delle volte capita che non ci sia lo spazio adeguato per la loro corretta eruzione e questo va a impattare con gli altri denti molari, causando dolore, perdita di osso, carie.

L’intervento di estrazione del dente del giudizio

Può capitare che i denti del giudizio rimangano coperti dalla gengiva oppure che escano soltanto parzialmente: in questi casi si parla di inclusione totale o parziale e questa può provocare infiammazioni, gonfiore e cisti. Altri casi riguardano invece i denti il cui asse di crescita non è orientato in maniera corretta e il dente si sviluppa orizzontalmente creando danni sui quelli vicini.
In tutti questi casi si rende necessaria l’estrazione: sia per eliminare il dolore, sia per salvaguardare il molare adiacente.
L’estrazione del dente del giudizio è senza dubbio uno degli interventi più comuni e ordinari in campo odontoiatrico, ma è comunque più complesso rispetto all’estrazione di un altro dente, soprattutto quando si tratta di denti del giudizio inferiori. Inoltre si deve sempre considerare il fatto che non tutti i casi sono uguali e che ogni estrazione è differente.
L’intervento viene fatto in anestesia locale, quindi sarà totalmente indolore. Nei giorni successivi è possibile avere fastidio e gonfiore nell’area interessata, ma è un sintomo passeggero.

I passaggi preliminari e il recupero post intervento

Per prima cosa si deve realizzare una diagnosi completa, che deve prevedere, se necessario, una TAC per esaminare le strutture vicine, come nervi, vasi sanguigni, o la quantità di osso che lo circonda, in modo tale da non danneggiarle. In caso ci sia un’infezione, prima di estrarre il dente, si dovrà effettuare una terapia antibiotica.
A seguito dell’estrazione del dente del giudizio, è necessario un periodo di recupero che dura qualche giorno. In questo tempo si può sentire qualche fastidio e dolore, e può esserci un po’ di sanguinamento, così come una cicatrizzazione lenta della ferita. Per evitare ogni tipo di complicazione è fondamentale seguire le indicazioni del dentista. Prendere i farmaci prescritti, come analgesico e antinfiammatorio, applicare periodicamente il ghiaccio e mantenere la testa eretta anche quando ci si stende nel letto o sul divano. A questo si deve aggiungere una corretta igiene orale, pulendo accuratamente la zona in cui si è stati operati con uno spazzolino morbido e seguire una dieta leggera mangiando cibi morbidi e freschi, evitando liquidi troppo caldi per non rompere il coagulo sanguigno o cibi friabili che potrebbero penetrare nella ferita. È inoltre necessario astenersi dal fumo almeno nei due giorni seguenti ed evitare sforzi fisici o attività sportiva troppo intensa per almeno una settimana.

Hai dolore ai denti del giudizio? Pensi di doverli estrarre? Prenota una visita nel nostro studio

Write a comment:

You must be logged in to post a comment.

2014 © Copyright - Health Center Theme by Vamtam

Per casi di emergenza        338-8578948