• Il filo interdentale è necessario o è sufficiente lo spazzolino?

    L’uso del filo è quindi indispensabile per una corretta igiene e per proteggersi dalle malattie gengivali e dalla carie. La placca e il tartaro si accumulano principalmente nello spazio tra dente e dente proprio perché da solo nessuno spazzolino è in grado di pulire in quella zona ed è lì che tende a formarsi la carie.
  • Lo spazzolino elettrico è migliore di quello manuale?

    Dal punto di vista del risultato lo spazzolino elettrico e quello manuale sono del tutto sovrapponibili. Quello che conta è una corretta tecnica di spazzolamento e un tempo di spazzolamento corretto (almeno 2 minuti). Con lo spazzolino elettrico è necessario essere leggeri poiché essendo più “aggressivo” si rischia di ledere la gengiva causando recessioni
  • Quante volte l’anno è necessario effettuare una pulizia dei denti?

    L’Accademia Americana di Parodontologia ha stabilito che ogni paziente deve fare la pulizia ogni 6 mesi. I pazienti affetti da malattia parodontale ogni 3 mesi. Presentarsi puntuali ai richiami permette di mantenere una perfetta igiene orale e di intercettare eventuali problemi (carie, otturazioni da sostituire, malattie gengivali) in stato iniziale. In questo modo l’eventuale trattamento risulterà molto meno invasivo e costoso. Poiché teniamo alla salute orale dei nostri pazienti lo studio si impegna a chiamare ognuno per ricordare che sono passati 6 mesi e per prendere un appuntamento
  • Da cosa dipende la sensibilità dentinale e come si cura?

    Il dente diventa sensibile quando lo spessore dello smalto si riduce. In questo modo la parte interna, sensibile del dente rimane senza protezione e provoca dolore. Le cause possono essere diverse: l’uso di dentifrici aggressivi, uno spazzolamento errato, il consumo frequente di cibi acidi (yogurt, succhi di frutta, bibite). Le cure possono limitarsi a semplici precauzioni come l’suo di uno spazzolino e di un dentifricio adeguato o ridurre il consumo di cibi acidi, ma possono includere anche trattamenti specifici e terapie parodontali.
  • E’ possibile fare interventi di ortodonzia in età adulta?

    Certamente. Riallineare i denti anche in età adulta è spesso molto importante per ripristinare una corretta occlusione. Questo migliora l’estetica, può eliminare dolori mandibolari ed evita che i denti si consumino eccessivamente. Nei casi estetici avere i denti allineati e gli spazi ben disposti è una delle chiavi del trattamento.
  • Lo sbiancamento dentale reca danni ai denti?

    Se si utilizzano i migliori prodotti e si rispettano alla lettera i protocolli di applicazione, lo sbiancamento non reca alcun danno ai denti, anzi permette un notevole miglioramento dell’estetica. I denti possono essere sbiancati con successo anche in caso di patologie come la fluorosi o la discolorazione da tetraciclina, che causano un’acuta discromia dei denti.
  • Che cos’è un impianto dentale e quanto può durare?

    L’impianto è una struttura in titanio, normalmente di forma simile a quella di una radice dentaria, che viene innestata nella mandibola o nel mascellare superiore con un intervento in anestesia locale, in grado di sostituire funzionalmente ed esteticamente il dente o i denti mancanti. Una volta inserito l’impianto, prende avvio un processo di guarigione che porta alla sua integrazione nell’osso (osteointegrazione). Quando un impianto si è integrato con l’osso non c’è limite alla sua durata, purché il paziente mantenga una scrupolosa igiene domiciliare e si sottoponga a controlli periodici e la riabilitazione sia eseguita nel rispetto di corretti parametri tecnici.
  • Esiste il rigetto di un impianto?

    No, perché il titanio è un materiale biocompatibile del tutto inerte dal punto di vista biologico. Esiste, invece, la possibilità di “fallimento implantare”, che può verificarsi immediatamente oppure a medio-lungo termine. Il fallimento immediato è un’evenienza rara (2-3% dei casi) e comporta una mancata osteointegrazone. Il fallimento a medio-lungo termine può essere invece causato da un non corretto mantenimento dell’impianto. É fondamentale che il paziente si sottoponga a controlli periodici e che curi scrupolosamente la propria igiene orale. Il paziente, oltre alle normali procedure di igiene professionale, sarà sottoposto ad uno scrupoloso controllo clinico degli impianti e, una volta all’anno, ad un controllo radiografico.
  • Un dente devitalizzato può far male?

    Sì, per diversi motivi. Innanzitutto occorre specificare che la sensazione di dolore che può verificarsi i primi giorni dopo l’intervento è assolutamente nomale e passeggera. Altra cosa è quando il dolore compare dopo un po’ di tempo dopo l’operazione. La devitalizzazione di un dente comporta l’asportazione della polpa dentaria, ma non dei ricettori di dolore che contornano il dente, quindi il dente potrebbe far male in caso di un’eccessiva pressione o di un’infiammazione nella zona vicina al dente e potrebbe fratturarsi in seguito ad un trauma. In caso di dolore è comunque sempre bene rivolgersi al dentista.
  • Che cos’è una malattia parodontale e quali sono i sintomi?

    È una malattia infiammatoria provocata dai microrganismi della placca batterica che colpiscono l’insieme di strutture che circondano il dente. Quando non viene curata l’infezione può arrivare in profondità, provocando un allontanamento della gengiva dal dente. Si creano così delle tasche in cui i batteri si accumulano, erodono il tessuto osseo e provocano un’instabilità dei denti. Purtroppo i sintomi della malattia non sono evidenti, ma ci sono dei segnali che non vanno sottovalutati, soprattutto quando le gengive tendono ad arrossasi o sanguinano. Per evitare lo svilupparsi della malattia è quindi fondamentale sottoporsi regolarmente a visite di controllo.
  • Chi è il dentista dei bambini?

    Il dentista pediatrico o pedodontista) è un medico specializzato nella cura della salute orale dei piccoli pazienti quali bambini e adolescenti. Il dentista pediatrico è preparato per favorire il migliore approccio dei bambini con il dentista a seconda delle fasce di età.
  • Quando calendarizzare la prima visita per i bambini?

    Si consiglia di accompagnare i bambini dal dentista per una prima visita intorno all’età di 1 anno. Successivamente i piccoli pazienti dovranno essere controllati dal dentista pediatrico con cadenza annuale in modo tale da monitorare l’igiene orale, la dieta e lo sviluppo dell’intera bocca.
    E’ consigliabile che la prima esperienza del bambino dal dentista non coincida con la necessità di eseguire un trattamento. Familiarizzare con gli ambienti vedendone l’aspetto ludico, vedere un cartone animato o ascoltare una melodia adatta ai più piccoli possono rendere la prima visita un momento piacevole e vissuto senza paura. Se il piccolo paziente è tranquillo e la situazione lo permette durante la prima visita si può anche contare i denti da latte mentre il bambino controlla tutto quello che succede nella sua bocca attraverso uno specchio.
    La prima visita dal dentista pediatrico è importante avvenga precocemente per costruire un buon rapporto tra il bambino e il dentista che si fondi sulla fiducia e il la collaborazione per i futuri appuntamenti.
  • Come preparare il bambino alla prima visita dal dentista?

    Per preparare al meglio il bambino alla prima visita dal dentista e renderla una piacevole esperienza è utile presentare il dentista come un amico che si prende cura dei dentini leggendo prima per esempio un libro divertente sulla visita dal dentista. E’ importante inoltre descrivere l’ambiente dello studio dentistico e il ruolo svolto dal dentista. E’ importante NON usare il dentista come minaccia perché il bambino non si lava i denti, così facendo infatti si creerà ulteriore paura che durerà anche quando saranno grandi.
    E’ importante stabilire un rapporto di fiducia tra il bambino e il dentista attraverso una precoce prima visita e continui e regolari check-up.
  • Come evitare l’insorgenza della paura del dentista nel bambino?

    Gli elementi che contribuiscono a sviluppare una visione positiva del dentista sono legati alla preparazione del bambino al primo appuntamento, oltre ovviamente ad esperienze dal dentista prive di traumi.
    E’ inoltre importante che tra il piccolo paziente ed il dentista si stabilisca un rapporto di fiducia basato sull’empatia e la giusta comunicazione, che il dentista tratti il bambino con rispetto e soprattutto che i piccoli pazienti possano fermarsi in qualunque momento della terapia desiderino. Inoltre iniziando le visite dal dentista dal primo anno di età e soprattutto rendendo queste visite divertenti attraverso l’uso di giochi ed elementi di distrazione utili affinché i bambini associno un’idea positiva all’appuntamento con il dentista dei bambini.
    L’importante è non usare mai la figura del dentista come una minaccia per evitare paure e timori poco rimovibili in futuro.
  • Cos’è Invisalign®?

    Invisalign è un metodo praticamente invisibile per allineare i denti e ottenere il sorriso che hai sempre desiderato. Il nostro studio utilizzando un’avanzata tecnologia di imaging digitale, elabora il piano di trattamento completo, dalla posizione iniziale dei denti fino alla posizione finale desiderata. Viene quindi realizzata una serie di aligner trasparenti su misura, per i tuoi denti (e solo per loro), in modo da farli spostare gradualmente. Ciascun aligner viene indossato per circa due settimane prima di essere sostituito dalla serie successiva, finché non si raggiunge la posizione finale stabilita. Il periodo di trattamento con Invisalign sarà pianificato qui in studio in base alla tue esigenze specifiche.
  • Quali sono i vantaggi di Invisalign?

    Gli aligner Invisalign sono quasi invisibili e difficilmente qualcuno noterà che li stai indossando; di conseguenza, si adatteranno perfettamente al tuo stile di vita senza interferire con le tue relazioni sociali quotidiane .
    Gli aligner Invisalign sono rimovibili. A differenza degli apparecchi metallici fissi, con Invisalign avrai la possibilità di mangiare e bere ciò che desideri durante il trattamento, togliendo semplicemente gli aligner. Inoltre, potrai rimuovere gli aligner per lavarti i denti e passare il filo interdentale, come faresti di solito per mantenere una buona igiene orale.
    Diversamente dagli apparecchi tradizionali fissi, non ci sono bracket o fili metallici. Nella maggior parte dei casi, ciò si traduce in un minor tempo passato dal dentista  per eventuali adattamenti.
    Infine, Invisalign ti consente di vedere i risultati virtuali e il piano di trattamento ancora prima di iniziare, in modo da sapere in anticipo che aspetto avranno i denti al termine del trattamento.
  • Quanto costa Invisalign?

    Analogamente ad altri tipi di trattamento ortodontico, il costo di Invisalign dipende dalla complessità del caso e dalle dinamiche del trattamento. Generalmente, il costo è paragonabile a quello degli apparecchi fissi tradizionali, chiama lo studio per avere una valutazione personalizzata dal nostro specialista in ortodonzia al numero 055 606364.

Domandaci


Il tuo nome

La tua mail

La tua domanda